Torre-Museo

La Torre-Museo ed il suo concept: da simbolo nobiliare a simbolo culturale
La realizzazione della Torre-Museo va ad aggiungersi ai tanti tasselli che rendono il mosaico Villa Rufolo via via più compiuto. Un percorso iniziato nel 1851 da Sir Francis Nevile Reid e fino ad oggi mai interrotto, sia pure a velocità e fasi discontinue. Tanti i nomi e i momenti che meriterebbero citazione, descrizione e celebrazione: Lacaita, Virtuoso, Bottiglieri, Parrilli, Fondazione Ravello, EPT Salerno, Soprintendenze Salerno, solo alcuni dei nomi e delle sigle che hanno segnato indelebilmente quasi due secoli.
Per la prima volta dopo mille anni dalla sua costruzione, la torre grande di Villa Rufolo si apre al mondo, per permettergli di ammirare le bellezze di Ravello e della Costiera Amalfitana dal terrazzo più alto dell’intero centro storico. Per raggiungere il terrazzo il visitatore fa un vero e proprio viaggio nello spazio e nel tempo, immerso in atmosfere e in situazioni che stimoleranno i suoi sensi. L’idea nasce dal desiderio di accogliere il visitatore nella torre, per poi restituirlo alla normalità del suo viaggio, regalandogli una parentesi che resterà nella sua mente più come emozione, che come valanga di nozioni e conoscenza. I reperti sapientemente distribuiti sono esaltati da un’esplosione tecnologica che ne “aumenta” la realtà, consentendo a busti di parlare, a frammenti di riacquistare completezza e colori, a personaggi e mitologia di ritornare dal passato, per diventare compagni del nostro viaggio scandito da suoni e musiche che completano l’intero contesto.

Il primo ambiente è interamente dedicato a Francis Nevile Reid, ospitando reperti della sua quotidianità a Villa Rufolo; il bassorilievo di Luigi Cicalese, suo tuttofare e amico, chiude la parentesi felice (1851 – 1892) che questa accoppiata seppe rendere aurea soprattutto per il futuro di Ravello.

Passando al primo piano della torre, il visitatore viene accolto dal saluto di Sigilgaida Rufolo: da questo momento suoni, luci ed effetti diventano guida per il visitatore, orientandolo nella sua ascesa che inizia dal centro della stanza a metà fra due porte virtuali, contrarie e contrapposte: la porta della Morte e la porta della Vita. Scegliendo la porta della Vita il visitatore dà così inizio al gioco che per tutta l’ascesa lo accompagna continuamente tra passato e futuro, fra morte e vita. Urne cinerarie e parti di stipiti tornano infine alla loro realtà scultorea, allorquando il virtuale di software e proiettori si spegne, per lasciare totalmente lo spazio alla realtà illuminata a piena luce.

Salendo al livello intermedio, il visitatore è accolto dall’ologramma di Sir Francis Nevile Reid che gli racconta la sua storia ma più ancora del suo amore per questi luoghi. Gli fa eco subito dopo un giano bifronte che grazie allo specchio virtuale dell’acqua nel quale è immerso, fa dialogare le due facce, ricordandoci che il mondo è stato e sarà sempre teatro di guerre. Le proiezioni a terra dei meravigliosi pavimenti ceramici ottocenteschi di Villa Rufolo, invitano il visitatore a proseguire e ad avviarsi all’ultimo strappo. Alcuni monitor miscelano saggiamente immagini dal vivo con ricostruzioni virtuali ed effetti diaporama, confondendo il visitatore fra passato e presente, quasi a disegnare un percorso senza tempo. È questo l’ultimo effetto prima che uno dei paesaggi più apprezzati al mondo riporti il visitatore alla realtà. Una realtà tanto bella e unica da essere, comunque, come tutti i paradisi, vicinissima al virtuale.

Le nuove tecnologie
L’innovazione tecnologica, con la gestione di Villa Rufolo da parte della Fondazione Ravello, ha fatto irruzione nel monumento per dimostrare che beni culturali e tecnologie possono e devono convivere e interagire, esaltandosi reciprocamente in una dimensione complementare. Nella Torre – Museo una concentrazione notevole di hardware e software consente di realizzare un’atmosfera unica che investe i sensi del visitatore azzerando spazio e tempo. Proiezioni mappate arricchiscono i reperti con effetti di “realtà aumentata”, rendendo animato e loquace il busto di Sigilgaida Rufolo, colorando e completando bassorilievi e urne cinerarie, completando frammenti. Proiezioni ologrammatiche consentono di far rivivere personaggi storici per raccontare la storia di Villa Rufolo. Altoparlanti di ultima generazione – Anaconda – opportunamente gestiti da software consentono al suono di spostarsi nello spazio orientando e accompagnando il visitatore per l’intero percorso. Eccitatori di suono applicati ai vetri trasformano la scala in un’unica cassa armonica che contribuisce a far svolgere al suono la funzione di guida, accompagnamento e ambientazione.

La Scala
Il progetto nasce dall’idea di coniugare l’esigenza di nuovi spazi per realizzare un museo che accogliesse degnamente i reperti custoditi, con la valorizzazione dell’esistente; nonché di dare sostanza alla forma, trasformando un valore simbolico, la Torre, in valore culturale ed economico, il Museo ed il terrazzo Belvedere. Il percorso espositivo verticale, sviluppato sui due livelli della Torre Maggiore e sul terrazzo sommitale, ripercorre la storia della Villa dalla sua nascita fino all’era di Nevile Reid, con l’ausilio di strumenti museali tradizionali e nuove tecnologie. Il percorso ascendente realizzato ampliando la spazialità geometrica della Torre e modificando le modalità di percezione e fruizione degli ambienti, realizza il concetto di “promenade architecturale”. Le geometrie irregolari della struttura in acciaio e cristallo, “costrette” tra le mura rigorosamente ortogonali, sono liberamente ispirate alle illusioni ottiche delle “scale impossibili” disegnate da Maurits Cornelis Escher, che nel suo viaggio italiano del 1922 fece tappa anche a Ravello. 50.000 kg di acciaio al carbonio e 110 m2 di cristallo temperato, sono stati utilizzati per la realizzazione dell’opera che, attraverso 100 gradini, ci porta al terrazzo sommitale. La scala, volutamente distaccata dalle mura della torre, consente di apprezzare ancor più la sua bellezza estetica, diventando essa stessa oggetto di ammirazione e apprezzamento. (Per approfondire clicca qui)

Elenco dei reperti dall’ingresso al terrazzo

INGRESSO-SALA REID
Coppia di tavolini in ferro battuto e piastrelle in maiolica – XIX sec 
“Vue de la terrasse à Dalmeny Park – Vista dalla terrazza di Dalmeny Park”, Gabriele Carelli, Acquerello
“Projet d’éventail – Progetto per un ventaglio” Ecole Francais du XVIIIe siecle, Acquerello
“Vista di una Piazza”, Gabriele Carelli, Acquerello
“Pêcheurs dans la baie de Naples, le Vésuve – Pescatore nella Baia di Napoli”, Gabriele Carelli, Acquerello
“Vieux cimetière de Windsor – vecchio cimitero Windsor”, Alfred Montague, Acquerello
“L’adoration des Berges, L’adorazione dei Magi”, École Français du XVIIIe siecle
“Intérieur d’une église sicilo-mauresque Aquarelle -Interno di una chiesa arabo-sicula”, Gabriele Carelli
“Cloître dans le gout mauresque, Rome – Chiostro moresco palazzo romano”, Carl Friedrich Heinrich Werner, Acquerello
“Vista del palazzo episcopale di Ravello “, Gabriele Carelli, Acquerello
“Six petites scènes en miniatures: paysages et scènes de genre. – Sei miniature di paesaggio”, Acquerello guaché
“Porteuse d’eau napolitaine à la fontaine – Portatrice d’acqua”, Gabriele Carelli, Acquerello
“Pêcheur napolitain endormi – pescatore napoletano addormentato”, Giacinto Gigante, Acquerello guaché
“Couple d’oiseaux morts – Uccelli morti”, Gennaro Guglielmi, Acquerello
Busto Luigi Cicalese – Marmo del sec. XX
Insieme di quattro specchi in legno dorato
“Vue depuis la terrasse de la Villa Rufolo, Ravello – Vista dalla terrazza di Villa Rufolo”, Olio su tela
“Marécages de Paestum – palude Paestum”, Gabriele Carelli, Acquerello
Vaso in bronzo ottocentesco 
6 formelle in gesso – Riproduzioni della porta bronzea del Duomo di Ravello e di Salerno 

PRIMO PIANO
Busto di Sigilgaida Rufolo –  Calco in gesso
Frammento di architrave – Marmo XV secolo d.C.
Frammento di sarcofago scolpito ad alto rilievo raffigurante 3 busti – Marmo III d.C.
Urna cineraria tonda – Marmo bianco II sec. d.C.
Urna Cineraria a doppio scomparto Marmo Bianco sec. I d.C.
Frammento di sarcofago – Marmo IV sec. d.C.
Frammento di Sarcofago – Marmo III sec. d.C.
Capitello Ionico – Marmo I sec. d.C.
Frammento di colonna – Marmo 
Base di colonna – Marmo
Capitello Corinzio – Marmo II sec. d.C.
Frammento di colonna – Marmo
Sarcofago – Marmo bianco prima metà del IV sec. d.C.
Frammento di sarcofago stigilato – Marmo IV sec. d.C.
Urna cineraria rettangolare – Marmo bianco II sec d.C.
Frammento di stipite di portale XV sec. d.C.
Capitello Marmo sec. XII d.C.
Urna cineraria rettangolare con iscrizione – Marmo II sec. d.C.
Capitello Composito – Marmo II sec. d.C.
Capitello Corinzio – Marmo II sec. d.C.
Capitello – Marmo XIII sec. d.C.
Urna cineraria semicilindrica – Marmo I – II sec. d.C.
Capitello VI sec. d.C.
Frammento di Capitello – Marmo XIII sec. d.C.
Due colonne in marmo  – XIII sec. d.C.
Urna cineraria quadrata con iscrizione dedicatoria – Marmo bianco I sec. d.C.
Coperchio di urna cineraria – Marmo I – II sec. d.C.
Frammento di stipite con fregio  a bassorilievo – Marmo
Frammento di arco con fregio a bassorilievo – Marmo XIII sec. d.C.
Doccione leonino – Marmo XIII sec. d.C.
Stipite di portale con fregio a bassorilievo – Marmo XIII sec. d.C.

PRIMO SOPPALCO
Grossi veneziani e altri esemplari numismatici
Insieme di frammenti d’architettura in pietra – Marmo sec. XIII d.C.
Rosone in marmo grigio
Ceramiche XI – XII sec.

PIANO INTERMEDIO
Capitello doppio – Marmo XIII sec. d.C.
Coppia di colonne – Marmo
Stemma gentilizio – Marmo XIII sec. d.C.
Stemma gentilizio famiglia Fusco – Marmo XIII sec d.C.
Stemma gentilizio della famiglia Rufolo – Marmo XIII sec. d.C.
Stemma gentilizio – Marmo XIII sec. d.C.
Coppia di colonne – Marmo
Bocca di fontana gianiforme
Capitello doppio – Marmo XII sec. d.C.
Coppia di Colonne – Marmo
Base doppia per colonne – Marmo
Bocciolo di portacero pasquale – Marmo XIII sec. d.C.
Frammento di base di colonna – Marmo

SECONDO SOPPALCO
Capitello – Marmo XII sec. d.C.
Frammento di colonna in marmo con base – Marmo
Frammento di colonna– Marmo
Capitello – Marmo XIII sec. d.C.
Frammento di stipite decorato – Marmo
Insieme di frammenti architettonci decorati
Capitello decorato a fogliame – Marmo XIII sec. d.C.
Coppie di capitelli – Marmo XIII sec. d.C.
Base di colonna – Marmo
Frammento di colonna – Marmo
Leone stiloforo – Marmo XV sec. d.C.
Frammento architettonico decorato a mosaico – Marmo XIII sec. d.C.
Colonna in pietra e mosaico – Marmo XIII sec. d.C.
Colonnina incassata nella muratura

TERZO SOPPALCO
Frammento architettonico in marmo decorato a mosaico – XII sec. d.C.
Frammento di decorazione d’altare – Marmo XIX sec. d.C.
Due putti alati – Marmo XIX sec. d.C.
Capitello – Marmo XII sec. d.C.

Villa Rufolo


Piazza Duomo
84010 Ravello (Sa) - Italia

tel./fax +39 089 857621
e-mail: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
pec: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

www.villarufolo.it



TripAdvisor

Fondazione Ravello


Sala Frau
Viale Richard Wagner, n. 5
84010 Ravello (Sa) - Italia

tel. +39 089 858360
fax +39 089 8586278
e-mail: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
pec: fondazioneravello@pec.fondazioneravello.eu

www.fondazioneravello.it


RAVELLO FESTIVAL

Box Office +39 089 858422
e-mail: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

www.ravellofestival.com

Twitter @villarufolo

Instagram @ig_villarufolo

Log In

Create an account